La contessa Torelli presenta le figlioline alla Vergine

la contessa
Vai all'opera successiva
sul tema della contessa
La contessa Torelli si è appena alzata dalla sedia a rotelle, aiutata da una governatrice, per meglio indicare alle donne presenti la statua della Vergine con Bambino, posta sull’altare dell’antica cappella del Collegio dedicata a Santa Maria della Natività. La fondatrice è ben riconoscibile non solo per la fisionomia già nota dai suoi primi ritratti, ma anche per l’austero abito nero e per la sedia a rotelle che ricorda l’infermità che l’aveva colpita. L’ambientazione sembra essere quella della cappella che originariamente era situata presso la prima sede del Collegio a Milano, caratterizzata da un altare in marmo con la statua della Vergine al centro e gli Ex voto sulle pareti ai lati.

le storie del Collegio
Vai all'opera successiva
sul tema del Collegio
Sul lato destro del dipinto sono presenti quattro giovani studentesse, tre delle quali inginocchiate, chiamate originariamente “figlioline”, che indossano la caratteristica divisa azzurra e bianca delle educande della Guastalla, riferimento simbolico al candore e all’anelito verso le cose celesti. La scena ritratta potrebbe essersi svolta in occasione della solenne processione, in uso già dalla fondazione del Collegio, che avveniva l’8 settembre, giorno della Natività della Vergine, quando le “figlioline” venivano accettate e presentate a Maria.
A fianco di ognuna delle giovani è presente una governatrice, poiché –come prescritto dallo statuto– ogni ragazza era assistita nella sua formazione da una governatrice, la quale doveva vestire di nero e indossare un velo bianco a coprire i capelli raccolti. Ai piedi dell’altare sulla destra è visibile un cestino contenente ferri e lana, un chiaro riferimento ai lavori femminili e all’arte del ricamo.

Curiosità
L’opera firmata e datata è del pittore Giovanni Pock, nato a Starno, in Boemia, nel 1780. La sua prima formazione avvenne in Trentino, dove si specializzò nella ritrattistica. Trasferitosi in Italia, giunse a Milano negli anni Venti del XIX secolo e qui visse e lavorò fino all’anno della sua morte, avvenuta nel 1842.


Le gamme cromatiche

La tonalità giallo-verde della statua spicca e crea una massa cromatica nella parte superiore bilanciata dalla massa nera nella parte inferiore. I bianchi puri sono dedicati ai veli, mentre le campiture cromatiche delle vesti scure si amalgamo amalgamano le une con le altre. Due candelabri nei toni dei gialli-marroni segnano delle parallele verticali che delimitano e racchiudono la statua.

L'analisi della luce

La luce proviene da sinistra e crea un contrasto chiaroscurale sulla statua della Madonna. Due candelabri nei toni dei gialli spiccano e creano due linee verticali che delimitano lo spazio della statua. Il colore bianco è dedicato ai veli delle governanti e della contessa, mentre le vesti non presentano elementi chiaroscurali ma campiture cromatiche uniformi.

Lo studio della composizione

L’opera presenta una marcata simmetria centrale, due linee centrali ci permettono di suddividere l’opera in quattro parti simmetriche. Un ampio ovale avvolge i personaggi centrali.

Giovanni Pock 1828 olio su tela 201x133 cm